Cerca
  • Admin

GUIDA ALLA SCELTA DEL MIGLIOR CORSO DI BASSO ELETTRICO PER INIZIARE

Aggiornato il: apr 28

Guida alla scelta del miglior corso di basso elettrico per principianti. In questo articolo offriamo una recensione su Fender Play, il corso online della Fender per imparare a suonare. Inoltre forniamo consigli utili per la scelta del miglior manuale di basso elettrico per iniziare.



Imparare a suonare il basso elettrico, così come qualsiasi altro strumento musicale, è una splendida avventura, che richiede passione, impegno e dedizione e che ripaga con grandi soddisfazioni.

Questo articolo è pensato soprattutto per aiutare i bassisti alle prime armi ad orientarsi nella giungla delle infinite proposte formative, più o meno valide, che circolano sul web, ma può essere utile anche ai bassisti più esperti in cerca di nuovi stimoli per progredire sullo strumento.

I corsi per basso proposti in questo articolo li abbiamo letti, studiati o quantomeno esaminati con attenzione e questo lavoro è frutto di un'attenta selezione. Speriamo davvero che la lettura possa tornarvi utile nel fantastico viaggio alla scoperta del basso elettrico.


Fender Play

Parlando dei corsi on-line, che oggi vanno per la maggiore, ci piace davvero molto la nuova piattaforma Fender Play, che mamma Fender mette a disposizione per imparare a suonare il basso elettrico, ma anche la chitarra e il simpaticissimo ukulele.

Fender Play vuole insegnare a suonare alle persone, in modo che Fender possa continuare a vendere tanti strumenti musicali. Il claim del sito "Non facciamo solo chitarre ma anche chitarristi", ci sembra quindi molto azzeccato e traslando sul nostro strumento, possiamo dire che Fender contribuirà a formare nuove generazioni di bassisti (e a vendere ancora tanti dei suoi meravigliosi bassi elettrici).

Fender Play è una piattaforma multimediale che può essere fruita attraverso il sito internet, ma anche scaricando le comode app per smartphone e tablet, semplicissime da utilizzare e davvero ben fatte.

Mentre scriviamo questo post stiamo testando le lezioni di basso elettrico presenti sulla piattaforma, grazie ai 14 giorni di prova gratuita, che non richiede la carta di credito al momento della registrazione (cosa che abbiamo molto apprezzato).

Successivamente Fender Play ha un costo di $ 9,99 al mese, che scendono a $7,50 nel caso di abbonamento annuale, cifre piuttosto contenute considerando anche i prezzi praticati da altri corsi online.

Accedendo alla piattaforma abbiamo subito notato due cose molto importanti: l'elevata qualità del materiale video e audio di cui si compongono le lezioni e la progressività degli argomenti trattati. Le lezioni partono dal livello di principiante assoluto ed iniziano con l'insegnare ad imbracciare lo strumento e ad accordarlo, andando via via ad approfondire gli argomenti, con uno stile sempre pulito e lineare, che in poco tempo mette in condizione l'allievo di suonare efficaci riff e giri di basso.

Come punto a sfavore, notiamo che al momento Fender Play è disponibile solo in lingua inglese. Per fortuna però la musica è un linguaggio universale e anche chi non ha grande dimestichezza con la lingua potrà ripetere abbastanza agevolmente gli esercizi proposti nelle lezioni. Inoltre, grazie alla nuova funzione di youtube, che consente di generare sottotitoli tradotti automaticamente, si potranno seguire le lezioni sottotitolate in italiano. Divertitevi a seguire la lezione sottostante e a modificare la lingua dei sottotitoli, cliccando sulla rotellina in basso a destra su PC o sui tre puntini su smartphone.

Una volta loggati nella piattaforma, la prima cosa da fare è scegliere lo strumento che più ci interessa, tra basso elettrico, chitarra ed ukulele, tenendo in considerazione che in ogni momento si potrà passare da uno strumento all'altro con facilità, funzione ideale per chi abbia voglia di praticare più strumenti contemporaneamente.

Successivamente si sceglie il genere musicale che si vuole approfondire, tra: rock, funk, pop, blues, swing e si iniziano le lezioni, organizzate per livelli di difficoltà crescenti. In ogni momento si potrà navigare attraverso i vari generi musicali e scegliere di seguire la lezione che più ci occorre.

La cosa positiva è che le lezioni sono brevi, facili da seguire ed hanno un taglio pratico. Dopo i primi cenni sullo strumento ed alcuni utili elementi di teoria, si passa subito alla parte più divertente e si iniziano presto a suonare le prime canzoni, scegliendo, tra i tanti brani in archivio, quelli che più ci piacciono.

Una consolle comandi molto intuitiva permette di navigare tra gli argomenti e rende disponibili molte utili funzioni, tra cui il metronomo e il pratico accordatore Fender (che potete scaricare gratuitamente anche da questo link). Attraverso la consolle si passa agevolmente alla funzione "practice mode", che dà accesso alle tablature (TAB) di ciascun brano, permettendo di prendere dimestichezza con il più utilizzato standard di codifica internazionale della musica.

Come area di miglioramento, diciamo che Fender Play è pensata per le esigenze dei musicisti alle prime armi e può condurre l'allievo fino ad un livello intermedio, mentre i bassisti più esperti avranno bisogno orientarsi su soluzioni più complete e costose.

Il fatto che si possa spaziare tra vari strumenti non rende mai la cosa noiosa, noi ad esempio ci stiamo divertendo molto ad imparare l'ukulele, un simpatico mini strumento che ci aveva sempre incuriosito :)

Fender è il leader mondiale degli strumenti musicali e la sua piattaforma di e-learning Fender Play si rivela degna del nome che porta. Vi consigliamo usufruire del periodo di prova gratuito e di valutarla di persona, il divertimento è assicurato!



Manuale di Basso Vol.1

Passando ai più tradizionali manuali cartacei, un ottimo corso che consigliamo è il Manuale di Basso di Andrea Rosatelli. Andrea è un bassista molto preparato, simpatico, appassionato, e può vantare collaborazioni con i maggiori artisti italiani e internazionali. Ha il grande dono della semplicità e riesce a spiegare con naturalezza anche gli argomenti più complessi. Il manuale di basso di Rosatelli si à conquistato un ruolo di primo piano, grazie soprattutto allo stile lineare, diretto ed efficace che lo contraddistingue. Formato da 20 lezioni, spiegate con l'ausilio di fotografie, tablature e spartiti, si completa con un DVD, tante basi audio su cui fare pratica e un supporto on-line sempre a disposizione. Questo corso di basso elettrico si rivolge soprattutto ai principianti ed inizia proprio con gli argomenti di base più importanti, come: l'impostazione delle mani, la familiarità con strumento, la conoscenza della tastiera. Se state cominciando a suonare lo strumento, questo corso di basso elettrico non può mancare nella vostra biblioteca.


Manuale di Basso Vol.2

Per i bassisti che hanno già affrontato la prima parte del percorso, consigliamo di proseguire con il Manuale di Basso volume 2, dello stesso Andrea Rosatelli, dove si apprendono i concetti più importanti di armonia, si intraprende lo studio delle triadi e si esaminano le tecniche principali, come lo slap e l'uso del plettro. Questo secondo manuale è il compimento perfetto del primo ed insieme formano un corso per basso elettrico davvero completo ed efficace, che sarà in grado di appassionarvi e di farvi progredire velocemente sullo strumento.

Se non conoscete Andrea Rosatelli, ve lo presentiamo con uno dei suoi bei video, in cui ci insegna ad improvvisare su un giro di blues...buona visione su Basse Frequenze!



Basso for Dummies

Un manuale di basso elettrico che sicuramente ci sentiamo di consigliare è Basso For Dummies. Dell'autore, Patrick Pfeiffer, non sappiamo molto, a parte che è un bassista newyorkese di una certa fama. Il corso per basso invece è davvero ben fatto e si adatta molto bene alle esigenze dei principianti, portando gli argomenti fino ad un livello medio-alto. Composto da ben 400 pagine, questo manuale è completo ed esauriente e ha il pregio di dare consigli pratici anche sulla scelta del primo basso elettrico (vedi nostro post sull'argomento) e sulla manutenzione dello strumento. Nel libro si dà una buona infarinatura dei principali stili musicali: il rock, il funk, lo swing, ecc. Inoltre esamina molti bassisti contemporanei che, secondo l'autore, devono far parte del bagaglio musicale di un bravo bassista. Insomma, ad un prezzo più che ragionevole si acquista un testo completo, corposo, bene organizzato e adatto non solo ai principianti ma a tutti quelli che vogliono approfondire le conoscenze dello strumento.




89 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti