Cerca
  • Admin

GUIDA ALLA SCELTA DEL MIGLIOR BASSO ELETTRICO PER INIZIARE A SUONARE.

Aggiornato il: mag 28


La decisione su quale basso elettrico acquistare per iniziare a suonare è molto importante. In questo articolo cercheremo di fornire alcuni spunti e consigli utili alla scelta sul migliore basso elettrico per principianti.



Vogliamo subito rispondere ad una domanda che ci viene fatta spesso: esiste un basso elettrico migliore di altri per chi inizia a suonare? La risposta a questa domanda è NO, non esiste il migliore basso elettrico in assoluto, ma c'è sicuramente quello migliore per ciascuno di noi.


La scelta dipende da diversi fattori: il budget a disposizione, la motivazione a proseguire nello studio dello strumento, alcune caratteristiche fisiche, come le mani piccole o la giovane età, che potrebbero far propendere ad esempio per un basso a scala corta e non in ultimo, i gusti personali, che rendono la scelta finale molto soggettiva.


Molti giovani bassisti alle prime armi decidono di acquistare un kit di partenza composto da:

un basso elettrico entry level, un piccolo amplificatore ed accessori vari, per avere tutto l'occorrente ad un prezzo molto conveniente. La qualità dello strumento in genere è soddisfacente per iniziare a strimpellare e magari per prendere le prime lezioni. Man mano che si migliora e ci si appassiona, si può sentire l'esigenza di uno strumento di maggiore qualità. Consigliamo quindi l'acquisto di questi kit a chi è molto giovane, oppure non ha ancora capito se il basso elettrico è veramente lo strumento che fa per lui. Va detto che nel mercato dell'usato un kit entry level può facilmente essere rivenduto e quindi suggeriamo questa scelta se si è curiosi di provare a cimentarsi con questo fantastico strumento in modo poco impegnativo. Sicuramente un basso elettrico per principianti sarà in grado di regalare a chi lo possiede grandi soddisfazioni ad un piccolo prezzo!


Valide alternative, con un budget tra i 200 e i 350 euro, sono rappresentate dagli ottimi bassi di marchi molto conosciuti, come ad esempio: Ibanez, Epiphone, Cort, Eko e Squier (storico brand della Fender). Ad un prezzo ragionevole si porta a casa uno strumento di buona fattura che durerà nel tempo e che permetterà di migliorare senza sentire l'esigenza di cambiare troppo presto. Oltre al basso, si dovrà poi mettere in conto l'acquisto di un amplificatore, con una spesa tra i 150 e i 250 euro, ma di questo argomento parleremo in un post specifico.


Tra le varie proposte, ci piace particolarmente il Toby IV Standard Bass della Epiphone , storico marchio della scuderia Gibson. Ad un prezzo più che ragionevole si prende uno strumento di buona fattura, grazie ai legni di acero e palissandro di cui è composto e alle meccaniche che tengono l'accordatura piuttosto bene. Inoltre è decisamente leggero, intorno ai 3,5Kg e ben bilanciato, il che è un indubbio vantaggio specialmente per chi è alle prime armi. L'ergonomia è curata e la forma del corpo consente un facile accesso alla parte alta della tastiera, che con i suoi 24 tasti permette di muoversi agevolmente anche sui registri più alti.

La configurazione di pickup è di tipo Jazz Bass, ovvero un magnete al ponte ed uno al manico, il che lo rende particolarmente versatile ed in grado di comportarsi bene con molti generi musicali. Insomma, uno strumento particolarmente indicato a chi è agli inizi ed ha bisogno di un buon prodotto per imparare e divertirsi senza spendere troppo.




































0 visualizzazioni
COntact us
  • Grey Twitter Icon
  • Grey Instagram Icon
  • Grey Facebook Icon

© 2023 by The New Frontier. Proudly created with Wix.com